...Che INIZIATIVE c"avé?

gaza_black_ribbon

Basta! Parlamento pulito

mercoledì 18 luglio 2007

Finale col botto...



Avrei potuto scrivere un post lungo, molto lungo, veramente lungo. L'ultimo fine settimana di giugno ho nuotato sei (dico...sei) differenti gare, e ognuna di queste potrebbe essere descritta nei minimi particolari. Avrei potuto soffermarmi a lungo su come ho perfettamente imbroccato il cambio nella mistaffetta di giovedì, di come ho aumentato la frequenza di gambe negli ultimi venti metri perché quella della corsia uno non mollava e poi di come mi sono addormentato nelle prime tre vasche del duecento stile per piazzare un ultimo cinquanta con un recupero feroce su tutti gli altri. Oppure di come ho scazzato una respirazione a venti metri dalla fine della mia frazione di staffetta mista e mi sono incartato di spalle, o di come ho tenuto le gambe quasi ferme nei primi quindici metri della gara individuale dei 50 stile. Addirittura narrarvi nel dettaglio il percorso mentale che ho avuto alla fine della prima vasca dei cento stile che mi ha portato a rallentare in maniera quasi imbarazzante per un passaggio al limite del ridicolo, oppure dell'ottima distribuzione delle respirazioni nell'ultima frazione della staffetta a stile....ma.... avete avuto un sacco di occasioni prima di questa per informarvi... 60019 è stata invasa dai articoli della nostra preziosissima "Addetta Stampa" ... gomarche sembrava l'house organ della nostra squadra :-) , Michele che nel suo blog ha riassunto in un paio di post tutti i risultati... insomma bene o male le notizie sono arrivate...
Provo allora a riportarvi qualche sensazione particolare, emozioni forti perché noi grandiMaster della Rari Nantes Marche siamo sicuramente estremi, o tutto o niente insomma.



Intanto cominciamo subito con la premiazione delle squadre del circuito superMaster. Grande sorpresa nello scoprire che la nostra squadra è risultata seconda in classifica grazie a quindici eroi (o semidei se preferite...) che con le loro prestazioni l'hanno portata quasi sul tetto d'Italia. Anche qualcun'altro deve essere rimasto sorpreso visto che si dimentica di citarci...vabbe' succede.... Nel corso di uno splendido vernissage serale a bordo vasca quattro moschettieri della Rari Nantes Marche si sono presentati bardati di tutto punto per ricevere il coppone riservato ai secondi oltre al meritato applauso della vasta platea presente.
Ma veniamo alle gare e si parte con la più grande soddisfazione che si può immaginare per un nuotatore. Non solo vincere una staffetta, non solo vincerla nuotando in ultima frazione, ma farlo recuperando partendo dal terzo posto... insomma l'apoteosi!
Si perché c'è da considerare che per uno che fa uno sport individuale avere la fortuna di nuotare una staffetta ti dà sicuramente un po' di più, amplifica tutto, la tensione prima della gara, la gioia della vittoria e la delusione della sconfitta....
Insomma giovedì mattina sono pronto per partire con questi altri tre personaggi, uno aveva appena vinto una medaglia d'argento nei 200 dorso, un'altra è un ex nazionale e ha all'attivo una marea di record italiani ed europei e la terza era fresca campionessa italiana nei cento dorso... poi c'ero io l'anello debole che me la stavo tranquillamente facendo sotto. Mentre Silvia si avvicinava a toccare il bordo per darmi il cambio mi passavano per la testa tutta una serie di disgrazie che potevano capitare tipo: scivolo dal blocco e sbatto la testa nei sui piedi, un megacrampo che parte dall'alluce e finisce alla mandibola mi inchioda subito dopo il tuffo, oppure sbaglio il tuffo, centro la corda e mi dissanguo sui galleggianti....insomma, tutta una serie di eventualità molto molto remote, ma che mi sembravano assolutamente possibili anzi probabilissime...e invece...e invece succede che vado forte fortissimo e la cosa bella è che me ne stavo rendendo conto mentre nuotavo e allora ti sembra di surfare sull'onda, vedi arrivare il bordo alla fine ma, allo stesso tempo, vorresti non arrivasse mai perché è troppo bello andare così. Poi arrivi, guardi il cronometro e ti rendi conto che hai vinto, anzi, avete vinto e la prima cosa che fai è cercare le facce degli altri e vederci dipinta sopra la stessa gioia che provi tu.
Ma...come la medaglia che hai al collo è molto bella vista davanti e così così da dietro, il giorno dopo tocca alla staffetta mista maschile.
Per un pelo rientriamo nella categoria più giovane (e anche meno "avvelenata"), facciamo una botta di conti e ci rendiamo conto che, dati i nostri tempi, si può sperare in qualcosa di "interessante"
Detto fatto. Ultima batteria, con una squadra nettamente più forte delle altre e destinata a stravincere e poi altre quattro, fra cui noi, a battagliarci gli altri posti del podio.
Siamo in corsia tre con gli imbattibili in quattro e gli avversari diretti alla due, cinque e sei.... per me, ovviamente, immancabile ultima frazione. Tralascio tutta la serie di pensieri drammatici all'avvicinarsi di Michele impegnato nella frazione a delfino. Al suo tocco siamo terzi ad oltre un secondo e mezzo dai secondi (in corsia due) e con sei decimi di vantaggio sui quarti in corsia sei. Parto e, dopo qualche metro, vedo quello di fianco a me che perde terreno, sento che vado bene, ma non come il giorno prima, succede qualcosa...a venti metri dalla fine mi impallo un po' di spalle e sento di perdere velocità...quello alla due rimane sempre lì e non ce la faccio a passarlo...tocco il bordo, alzo la testa per vedere il cronometro e...cazzo!
la sei è davanti a noi non l'ho vista, non l'ho vista per niente! QUARTI! per due decimi...
guardo gli altri...e vedo la stessa delusione, lo stesso sconforto che provo io ed in più il terribile dubbio di essere andato male e quindi di avere la responsabilità di questo quarto, dolorosissimo posto. E infatti. Escono i risultati e il mio tempo è di sei decimi più alto di quello del giorno prima. Saremmo arrivati secondi. Mi sentivo proprio una merda...e ringrazio di cuore gli altri tre per non avermelo fatto pesare....anzi, proprio qui volevo arrivare al termine di questo ennesimo, lunghissimo, post e ringraziare di cuore tutti i grandissimi master che hanno reso questa stagione veramente eccezionale. Tutti nessuno escluso:
quelli che passano una ventina di week-end in giro per l'Italia a gareggiare
quelli che fanno i fighi senza costumone e poi gli ultimi venticinque metri....
quelli che "non sono tanto in forma" e...record europeo......!!!
quelli che primo, secondo, terzo, quarto, quinto, ...caffè e ammazzacaffè
quelli che trovano posate ovunque e volano a rana
quelli che guidano per ore nel cuore della notte senza navigatore ma in vasca vanno fortissimo
quelli che si addormenterebbero ovunque....e lo fanno!
quelli che più passano gli anni più hanno voglia di allungare le gare...
quelli che gareggiano con il costumino e la cuffiettina super-trendy e poi la prendono bene...
quelli che vogliono essere master anche se sono troppo piccolini/e
quelli che danno tutto sé stessi solo nei paesi caldi.
quelli che aprono locali apposta per farci festeggiare...
quelli che si sposano ma un 1500 l'avrebbero fatto volentieri.
quelli che l'anno prossimo, dopo le immersioni, il mezzofondo
quelli che sono fra i quindici che ci hanno fatto salire sul podio agli italiani
quelli che non ci sono, ma ci saranno.
quelli che ...grandi master Rari Nantes Marche

Buone vacanze di riposo...che poi a settembre 180battitifissi!!!

7 commenti:

Michele ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
mike ha detto...

..quelli che e' tutto piu' semplice e bello con compagni di squadra cosi'..

sempre all'attacco!

mike.

ele ha detto...

I "COMUNICATI STAMPA" li scriverà tua sorella....o almeno Fabio Lo Savio....i miei sono ARTICOLI, prego...

:@

Bec ha detto...

Purtroppo per un imperdonabile refuso è saltato il preziosissimo ruolo della addetta stampa della RNMarche... Ho provveduto a correggere e me ne scuso con l'interessata.

lucacecco ha detto...

...quelli che non si spiegano perchè escono annunci di adsense che riguardano solo il nuoto.... ;-)

pupo taddo ha detto...

quelli che leggono tardi il blog.... ma quando lo leggono rimangono incantati e piacevolmente colpite dalle belle parole e dall'aver conosciuto delle persone veramente in gamba...

Anonimo ha detto...

Quelli che come il taddo leggono tardi il post ma "meglio tardi che mai", sono felici di averlo fatto e sono felici di essere parte di un meraviglioso gruppo!! I massimi!
Luca "l'anziano"