...Che INIZIATIVE c"avé?

gaza_black_ribbon

Basta! Parlamento pulito

lunedì 31 dicembre 2007

Dai laboratori del RIS




Secondo un'accurato studio morfologico, effettuato con i potenti elaboratori grafici del RIS di Parma, e diramato con alta priorità presso le forze dell'ordine di tutta la nazione, questa sera dovremo aspettarci più o meno questo.....

BUON 2008 A TUTTI!!! :-)

domenica 30 dicembre 2007

new look....



per prepararvi all'evento...

giovedì 27 dicembre 2007

Postumi del Concerto di Natale

Per tutti quelli che stanotte non sono riusciti a dormire a causa dello sguaiato attacco della Junior Band.... vi ripropongo il tema de Il Padrino, in modo da rendere giustizia a Nino Rota.

Per tutti quelli che, come Aurelien, hanno maggiormente apprezzato la Banda di Senigallia dopo la sguaiata chiusura di Jingle Bells eseguito dal Piccolo Complesso Ceausescu degli orfani di Bucarest, ecco un brano della colonna sonora di Mary Poppins, suonata dal nostro Complesso Bandistico cittadino, che annovera tra i suoi musicisti uno dei migliori sassofonisti di Viale Leopardi!

Ambulatorio on demand... era meglio aprire d'estate!!

Ha avviato ieri sera la propria attività il nuovo Ambulatorio on demand MS.
La caratteristica principale sta nella duttilità: bastano due sedie ed un tavolo fuori da una pizzeria, ed un posacenere per la sigaretta d'ordinanza.
I pazienti, nonostante lo stile spartano e la promozione pubblicitaria davvero minima, sono comunque accorsi in massa: ANZIANOTTI!!
Ora speriamo che i tempi per l'inaugurazione ufficiale siano più brevi di quelli del Piccadilly Dolcevita (anche noto come Il Locale a collo alto), il quale vi ricordo che apre questa sera!

mercoledì 26 dicembre 2007

chckchcch...Houston... abbiamo una casa per il 31...chckhc

Ancora da Quillyland...

CLICCA QUI

25 dicembre... ei fu...


Ei fu. Siccome immobile,
Dato il mortal sospiro,
Stette la spoglia immemore
Orba di tanto spiro,
Così percossa, attonita
Senigallia al nunzio sta,

Muta pensando all'ultima
Ora dell'organizzazion fatale;
Né sa quando una simile
Orma di piè mortale
La sua festosa polvere
A calpestar verrà.

Lei folgorante in solio
Vide la mia sbornia e tacque;
Quando, con vece assidua,
Cadde, risorse e giacque,
Di mille bute al sònito
Mista la sua non ha:

Vergin di servo encomio
E di codardo oltraggio,
Sorge or commosso al sùbito
Sparir di tanto raggio;
E scioglie all'urna un cantico
Che forse non morrà.

Da Marzocca alle Piramidi,
Da Scap'zan a Marotta,
Di quel securo il fulmine
Tenea dietro alla botta;
Scoppiò da Valencia ai bagni,
Dall'uno all'altro mar.

Fu vera gloria? Ai posteri
L'ardua sentenza: nui
Chiniam la fronte al Massimo
Fattor, che volle in lui
Del creator suo spirito
Più vasta orma stampar.

La baldanzosa e trepida
Gioia d'un gran disegno,
L'ansia d'un cor che indocile
Serve, pensando al regno;
E il giunge, e tiene un premio
Ch'era follia sperar;

Tutto ei provò: la gloria
Maggior dopo il bordello,
La danza e la vittoria,
La pizzaria e il gaio ostello;
Mille volte nella sabbia,
Mille volte a far ballar.

Ei si nomò: due locali,
L'un contro l'altro armato,
Sommessi a lui si volsero,
Come aspettando il fato;
Ei fè barista, e musico
S'assise in mezzo a lor.

E sparve, e i dì nell'ozio
Aprì in sì breve sponda,
Segno d'immensa ingordigia
E di avidità profonda,
D'inestinguibil odio
E d'indomato amor.

Come sul capo al naufrago
L'onda s'avvolve e pesa,
L'onda su cui del misero,
Alta pur dianzi e tesa,
Scorrea la vista a scernere
Prode remote invan;

Tal su quell'alma il cumulo
Delle memorie scese.
Oh quante volte ai posteri
Narrar se stesso imprese,
E sull'eterne pagine
Cadde la stanca man!

Oh quante volte, al tacito
Morir d'un giorno inerte,
Chinati i rai fulminei,
Le braccia al sen conserte,
Stette, e dei dì che furono
L'assalse il sovvenir!

E ripensò le mobili
Tende, e i percorsi banchi,
E il lampo de' manipoli,
E l'onda dei gran balli,
E il concitato imperio
E il celere ubriacar.

Ahi! Forse a tanto strazio
Cadde lo spirto anelo,
E disperò; ma valida
Venne una man dal cielo,
E in più spirabil aere
Pietosa il trasportò;

E l'avviò, pei floridi
Sentier della speranza,
Ai campi eterni, al premio
Che i desideri avanza,
Dov'è silenzio e tenebre
La gloria che passò.

Bella Immortal! Benefica
Fede ai trïonfi avvezza!
Scrivi ancor questo, allegrati;
Ché più superba altezza
Al disonor della Finanza
Giammai non si chinò.

Tu dalle stanche ceneri
Sperdi ogni ria parola:
Il Dio che atterra e suscita,
Che affanna e che consola,
Sulla deserta coltrice
Accanto a lui posò.

martedì 25 dicembre 2007

lunedì 24 dicembre 2007

...Che NATALE fé?


!! A U G U R I !!

domenica 23 dicembre 2007

Supini alla meta

Eccolo qua.
La prima volta è stato l'8 dicembre 1984. Trofeo Santa Barbara. Località: Barbara (of course...).
La mia prima gara ufficiale da agonista. 50 dorso. Secondo classificato. Primo è arrivato questo ragazzo qui...

Ventitre anni dopo eccomi di nuovo qua.


La tecnica non è un granché, ma migliorerò.

Wine and Music tonight...



Dalle 19 in poi presso il Saltatappo = wine,
dalle 21.30 presso Ostra Vetere = music.









venerdì 21 dicembre 2007

E tra venti giorni... Tutti a dieta!

Il 30 Dicembre 2006 è ancora nella memoria di molti di noi... E chi se la scorda una mangiata del genere, saggiamente organizzata il giorno prima del cenone di San Silvestro??In ogni caso, l'orgasmo gastronomico che quella cena ci ha provocato, nonostante sia ancora pulsante, sta perdendo il vigore dei primi 11 mesi... ;-)
Ma allora mi chiedo... Non pensate che sia arrivato il momento di tornare dalla Maria a Novilara??
Io propongo il 29: un bel sabato, facile, a cavallo tra i leggerissimi pasti del 25 e del 31, giusto per non perdere l'allenamento!
O in alternativa, si celebra l'anniversario e si rifà la mattata di andarci domenica 30...
Io la proposta l'ho fatta: ora tocca a voi aderire e votare il giorno!

Voglio inoltre esprimere la mia forte solidarietà alla Livio Organization, che come sapete non sta attraversando un momento particolarmente florido: a questo proposito vi ricordo che potete sostenere l'ente (che come sapete è una ONLUS i cui proventi finiranno al geriatrico dove verremo tutti ricoverati) inviando un SMS del valore di 1 Euro al numero 339-LIV-THON.
Naturalmente il contatore delle donazioni pervenute verrà elaborato da MS che provvederà a postare i totali periodicamente: tanto ormai c'ha preso gusto!!

martedì 18 dicembre 2007

Da Quillyland: Vxxxxxxx il bagnino

Per cause indipendenti dalla nostra volontà non è più disponibile il post dedicato a Vxxxxxxx il Bagnino.
Esprimiamo tutta la nostra solidarietà a Quilly e lo incoraggiamo comunque a proseguire sulla strada intrapresa con il suo blog.

Springsteeniani... mano al portafoglio

Allora:
Acquisto 6 Biglietti: 299,79 €
Acquisto 2 Biglietti: 106,59 €
Acquisto 1 Biglietti: 58,29 € :)
Totale: 464,67 €
che diviso nove fa....
1 per 3 3, 3 per 1 3...... 51,63 €

Bec deve avere 354,75 €
Santo deve avere 6,66 €

Ringraziamo cortesemente tutti coloro i quali rimpingueranno al più presto le casse dei creditori.

Ps: ma voi ogni tanto non ci pensate che Livio si è buttato dallo scooter in corsa...

venerdì 14 dicembre 2007

chckchcch...Houston... abbiamo una cena...chckhc


La MANCINELLATA!!

Visto che la bestia si sente sola ed ha finito le costarelle avanzate che sono rimaste nel camino, viene proposta la MANCINELLATA presso lo stesso luogo.
Vi chiederete in che cosa consiste... allora...
si va da Mancinelli, si compera una dose abbondante di pizza, poi si acquistano mortadella, prosciutto, lonza, stracchino, pecorino e quant'altro verrà proposto, si accende il camino (che tira un bel po') per scaldare la pizza e tutto prosegue in allegria.
Bevanda proposta Birra Moretti, Sambuca (da acquistare) e vino avanzato dal precedente appuntamento n° 2 bottiglie.
Abbiamo, purtroppo, anche da vedere lu videu purtughesgi della nostra amica vale...
Happiness and comments to everibody...

mercoledì 12 dicembre 2007

Tormentoni che si materializzano

Poteva mancare un coppia di perle così? ...Sì, lo so che la risposta è SI'! ma certe volte bisogna dare un volto anche ai nostri deliri ricorrenti... ecco a voi PEPPINO (in versione canterina... poco comprensibile per la verità) ed a seguire SPACCIO (accompagnato da Gino che è sempre in gran forma)




E se ne volete altri, guardate questo canale di YouTube

martedì 11 dicembre 2007

Aracnofobia e costarelle

Bene! Cena fatta... Proposta, votata, disdetta, riorganizzata, approntata, cucinata e mangiata!
Dopo averci permesso quella che ormai è universalmente chiamata GRILGIATA e Vì, e dopo averci fatto notare, sempre senza sottolinearlo troppo, l'ottimo tiraggio della canna fumaria del caminetto, il buon MS non ha rinunciato ad elencarci tutte le specie animali fuoriuscite dal legname che veniva man mano bruciato... Fatto salvo per la simpatica bestiola che vedete a fianco, che armata di santa pazienza ci ha sopportato mentre ci perdevamo nei meandri del Burraco e dello Strappetto, sorseggiando giovialmente Sambuca, Varnelli (con immancabile ribaltamento del bicchiere) e quant'altro, dopo aver goduto dei vini del piceno, procacciati dal bravo musicista!!
ed ora, alcune scene di vita vissuta ed il link ad una photogallery dei commensali



8 dicembre - cena in campagna

lunedì 10 dicembre 2007

mercoledì 5 dicembre 2007

Grilgiata e vi' sabato o domenica?

Dispongo di bottiglie di vino acquistate ad Offida,
Io proporrei di farla nella cucinetta di casa mia in campagna, in 10 circa secondo me ci stiamo.
C'è il camino ed il barbidù all'esterno per stare caldi e cucinare.
Pensateci...

martedì 4 dicembre 2007

Show a little faith...

Allora: la fredda cronaca:
Bruce Springsteen e la "E" Street Band hanno tenuto un concerto al Datchforum di Assago della durata di circa due ore e mezza. Erano presenti oltre undicimila persone.
Ecco la scaletta:

Radio Nowhere
The Ties That Bind
Lonesome Day
Gypsy Biker
Magic
Reason To Believe
Adam Raised A Cain
She's The One
Livin' In The Future
The Promised Land
I'll Work For Your Love
Incident On 57th Street
The E Street Shuffle
Devil's Arcade
The Rising
Last To Die
Long Walk Home
Badlands

Girls In Their Summer Clothes
Tenth Avenue Freeze-Out
Thunder Road
Born To Run
Dancing In The Dark
American Land

Come vedete mi sono limitato a riportare i fatti freddamente.

Poi c'è tutto il resto.
Come faccio a spiegarlo...
L'odissea personale per reperire il preziosissimo tagliando, le acrobazie verbali (leggi arrampicate sugli specchi) per prendere un giorno di ferie, l'interminabile fila in piedi, l'assalto all'arma bianca all'apertura dei cancelli e il viaggio di ritorno in solitaria nel cuore della notte non credo che siano importanti. C'è gente che si fa la spianata di Fatima in ginocchio o digiuna il venerdì... ognuno sceglie la religione che preferisce (dovrebbe essere ancora così).
Quello che è importante è avvenuto nelle due ore e mezza in cui quell'uomo è uscito sul palco accompagnato dai fidi compari di sempre e ci ha inondato di rock 'n' roll.
Vado per flash che ancora devo riprendermi pienamente:
-L'iniziale The Ties That Bind con il ritornello urlato da undicimila assatanati.
-L'accoppiata Reason to Believe (sporca, con l'armonica distorta e un giro di blues che veniva diretto dal Delta) seguita da Adam Raised a Cain (credevo di morire senza sentire mai dal vivo questo pezzo invece...) suonato con una forza, una rabbia che non mi sarei mai aspettato.
-Poi...poi arriva Incident e (giuro) l'ho riconosciuta alla seconda nota dell'introduzione di Roy. Ecco per me bastava così, con Spanish Johnny e Portorican Jane a rincorrere i fantasmi del loro amore e un palazzetto intero appeso alle parole e alla musica di Bruce e della Band.
-Il muro di watt che annunciava Last to die forse il manifesto più esplicito dell'ultimo Magic
-Long Walk Home, ad un certo punto Bruce si gira fa un segno a Steve e agli altri (del resto lui è il Capo...), loro si fermano e la palla passa a noi ...«It's gonna be a long walk home, Hey pretty Darling, don't wait up for me, Gonna be a long walk home, A long walk home»... sarà un lungo viaggio, un lunghissimo viaggio...
e poi per finire la doppietta Thunder Road - Born to run. Qui non cambia niente. Sono esattamente come ce le aspettiamo, con il pubblico che canta da solo «...we ain't that young anymore, Show a little faith, there's magic in the night You ain't a beauty, but hey you're alright...» e le luci che illuminano a giorno il forum durante Born to Run.

Sarà che sto diventando vecchio, però io non ho mai visto una cosa del genere. Se dopo il concerto di San Siro nel 2003, completamente inzuppato di acqua fino alle mutande ( e chi c'era sa cosa voglio dire...), mi sono reso conto che quel concerto, quella pioggia erano stati una catarsi per i quindici e passa anni di cieca fiducia, di assoluta dedizione, di passione totalizzante e che dopo tutto sarebbe stato diverso, stavolta ho avuto una sensazione nuova; è vero che il rock'n'roll non muore mai, però si rinnova e si reinventa soprattutto se a suonarlo è lui. Rabbia, sudore, energia, lacrime, polvere, insomma tutto ti arriva diretto, senza mediazioni e ti esplode dentro. E alla fine stai meglio molto meglio.
Guardate il post di video qui sotto, guardate la gente che si prende per mano su Badlands o che canta il "suo" pezzo su Thunder Road con tutta la voce fin lì rimasta, con tutto il cuore.

tratta da inquisit.splinder.com

E la cosa ancor più bella e che non è finita qua... a giugno ancora a San Siro che non sarà il mito irraggiungibile del 1985 o quella cosa incredibile di 18 anni dopo, però sarà sempre e ancora di più Bruce Springsteen & the "E" Street Band...


PS Non posso fare a meno di ringraziare ancora nuovamente Michele, Laura e Lorenza...senza di loro tutto questo non sarebbe stato possibile

e va bene così...senza parole! ;-)







p.s.#1: questo era il datchforum, ed ora, pronti a conquistare un biglietto per il 25 giugno!
p.s.#2: bec, ora tocca al tuo post in cui ci aspettiamo di trovare dei codici miniati da un piccolo amanuense del new jersey!
p.s.#3: puristi di BS, non vi inc***ate per il titolo!!

sabato 1 dicembre 2007

ce chi viene e c'è chi va...II puntata

L'addetto alla rimozione indesiderati del blog ha colpito ancora...
Abbasso la democrazia

venerdì 30 novembre 2007

Sondaggio DEMOCRATICO: la PJO....

Peroni Jazz BandVorrei rivolgermi a tutti gli amministratori di ...Che vita fé? per invitarli a votare sulla mozione per rimuovere il logo PJO che è ora FISSO sulla colonna destra del blog...
Come sapete, visto che l'avvenimento è stato strombazzato (mi sembra un termine appropriato!) ai 4, 8, 16 venti, la Peroni ha ormai un suo blog e si è conquistata un link sui maggiori blog e siti della città, oltre che in questo stesso blog!
Abbiamo per mesi ospitato il link diretto alla gallery dove sono riportate le grandi performances degli orchestranti, lanciandoli nell'olimpo del web...
Ora, come un uccellino che esce dal proprio nido, devono imparare a volare con le proprie ali!

Io ovviamente, sono per la rimozione.
Attendo i vostri commenti/voti...

giovedì 29 novembre 2007

Un pugno di rock'n'roll

Una chicca ( AhAhAh!!! ) nel nostro blog...

... le impressioni a caldo ed in tempo reale dal Datchforum di Milano alle 00:37 del 29 Novembre ...
..."Un pugno di rock'n'roll...concerto tiratissimo...il finale di una canzone non era che il one, two, three di quella dopo...schitarrate energiche...e canzoni inaspettate...Adam raised a Cain...Incident on 57th Street...Tenth Avenue freeze out...energia pura anche nei rari momenti "rilassati" come Magic...il primo Magic dal vivo è sorprendente...Last to die...I work for your love...Livin' in the future...sono proprio da concerto!!! ...Gipsy biker è un "canzono'"... e a Bruce piace tanto Girls in the summer clothes..."

...ecco qua... "tutto" qua!

Tanto seguirà la descrizione dettagliata di ogni minuto, lo sapete.....!!!!

Vi assicuro (ma di certo lo sapete) che l' emozione di sentirlo, anche solo gracchiante dal cellulare, è INDESCRIVIBILE!!!
Quindi...P R E P A R I A M O C I !!

Non posso non ringraziare da parte di Bec Michele, Laura e Lorenza che gli ha ceduto il biglietto...!

mercoledì 28 novembre 2007

ma cosa stanno mangiando.....





.... non saranno mica chapulines!!!

volete saperlo?????
su http://chicchettina.blogspot.com/ il viaggio continua e a grande richiesta, le foto del Mexico sono state posizionate su googlemap:
http://picasaweb.google.com/curzi.chiara/MXico

giovedì 1 novembre 2007

Demenza senile: primi sintomi...

Oggi il nostro caro amico Cecco compie 30 (trenta) anni...
ossia: 10957 giorni,
ossia: 262968 ore,
ossia: 15778080 minuti
(dato aggiornato alle 0.00 del 01-11-2007)*,
ossia 946684008 secondi
(dato aggiornato alle 0.00 del 01-11.2007)*...

e non avrà ritrovato il cd dei Gotan Project che mi ha accusato di avergli rubato tempo fa (vedi post successivo)...
giudicate voi...
come dice mia nonna portoghese:
'l'età s'é come 'l guadrin... chi se l'ha... se 'l tien'

*Fonte: Reparto Pediatria ospedale di Senigallia.

venerdì 26 ottobre 2007

Disgrazia

Siccome i miei amici sono un po' anziani e preferiscono passare le serate con la copertina e le pantofole a guardare programmi TV di dubbio o indubbio gusto, ho dedicato un paio di dopocena alla sistemazione dei miei cd. Ho perso un tantissimo tempo a cercare di dare un ordine logico alla nuova disposizione e alla fine mi sono arreso quando Pete Seeger è finito appena sotto i NOFX o Janis Joplin si è ritrovata intrappolata fra i Klasse Kriminale e Gavin Bryars....

......solo che... mentre stavo sistemando la zona punk-hardcore.... terribile disgrazia...immane sciagura.... dov'è? dov'è? dove cazzo è finito il primo cd dei Dead Kennedys!!!! Fresh Fruits for Rotten Vegetables!!! quello dove c'è California Uber Alles!!!! Holidays in Cambodia!!!!Let's Lynch the Landlord!!!!

AAAAAAAARRRGGGHHHHH!!!!!

Ho imparato più da quel disco che da diciotto anni di istruzione pubblica italiana

Dove è finito?

Vi prego se fosse finito nelle vostre case, se l'avessi prestato a qualcuno in un momento di ipossia cerebrale , vi scongiuro, riportatemelo....................
è rimasto un posto vuoto, un malinconico posto vuoto, giusto sotto In god we trust inc. e appena sopra Give me convenience or give me death

Aiuto!

venerdì 12 ottobre 2007

There's MAGIC in the air(play)

So che in molti aspettavate questo...
Il 28 settembre è uscito l'album di Bruce Springsteen, è in testa a tutte le classifiche e io l'ho ascoltato forse più di 300 volte da allora e ogni volta ho scoperto qualcosa di diverso che me lo ha fatto amare ancora di più. Per cui ho scritto un post di commento di lunghezza biblica, torrenziale che ho pensato di pubblicare qui sul blog... ma non lo farò.
Tutti gli interessati hanno due possibilità: inviare bonifico bancario di €50,00 su conto corrente 3117/90 dell Banca delle Marche Filiale di Osta, oppure mandare direttamente a me uno o più biglietti per il concerto di Bruce del prossimo 28 novembre a Milano.

a proposito that's.... Magic

I got a coin in my palm
I can make it disappear
I got a card up my sleeve
Name it and I'll pull it out your ear
I got a rabbit in my hat
If you want to come and see
This is what will be, this is what will be
I got shackles on my wrist
Soon I'll slip 'em and be gone
Chain me in a box in the river
And I'll rise singin' this song
Trust none of what you hear
And less of what you see
This is what will be, this is what will be
I got a shiny saw blade
All I needs' a volunteer
I'll cut you in half
While you're smiling ear to ear
And the freedom that you sought's
Driftin' like a ghost amongst the trees
This is what will be, this is what will be
Now there's a fire down below
But it's comin' up here
So leave everything you know
And carry only what you fear
On the road the sun is sinkin' low
There's bodies hangin' in the trees
This is what will be, this is what will be

lunedì 17 settembre 2007

Due contro uno! (Parte 1)

Qualcuno esulta fragorosamente da settimane, arrivando fino a minacciare di saltare il viaggio in Portogallo pur di non perdersi la prima trasmissione di Radio Nowhere... intanto qualcun altro si legge tranquillamente gli RSS che escono sul suo aggregatore-web, spulcia diligentemente le newsletter che gli arrivano, e gongola dentro, covando zitto zitto ma fremendo ogni giorno di più, perchè stanno arrivando, si stanno per far sentire forte e chiaro, come non fanno da un bel pezzo e stanno preparando la strada per il nuovo album in studio (si parla di primavera 2008), per il ritorno al rock che ci piace di più...
Naturalmente SONO I R.E.M. ed il 16 Ottobre esce il loro primo Live ufficiale!!
E dopo 25 anni di carriera, compiuti neanche 2 mesi fa, direi che di canzoncine da mettere in un live ce ne sono a iosa... infatti ecco 22 tracce (la tracklist è di seguito) registrate durante la data dublinese dell'Around the Sun Tour (27/02/2005 al The Point): un assaggino ve lo può già dare il trailer qui sotto, tanti altri ne trovate nel canale ufficiale dei R.E.M. su YouTube ...lo so che anche dopo questo post non vivrete questo mese che resta in trepidante attesa... beh IO SI'!!

R.E.M. LIVE - (DVD / 2 CD) - Tracklist
"I Took Your Name"
"So Fast, So Numb"
"Boy In The Well"
"Cuyahoga"
"Everybody Hurts"
"Electron Blue"
"Bad Day"
"Ascent Of Man"
"Great Beyond"
"Leaving New York"
"Orange Crush"
"I Wanted To Be Wrong"
"Final Straw"
"Imitation Of Life"
"The One I Love"
"Walk Unafraid"
"Losing My Religion"
"What's The Frequency, Kenneth?"
"Drive"
"(Don't Go Back To) Rockville"
"I'm Gonna DJ" [inedito]
"Man On The Moon"

Vi chiedete il perchè del titolo del post e della (Parte 1) ?? .... qui si continua: c'è la 2!!

venerdì 7 settembre 2007

As Pajelinhas du Portugau

Prendendo spunto da una sanissima abitudine che viene dal mondo del nuoto ecco le pagelline che ci siamo meritati dopo la splendida settimanella trascorsa agli estremi confini occidentali d'europa, al di là delle colonne d'ercole:

D.B. - "O B.":
È dal mese di luglio che ci rompe le orecchie con l'improbabile portoghese di "jobi jobao" termina questo suo bizzarro percorso imitando un imprecisato conduttore della famigerata "Radio Bongo" congolese.... inspiegabile. Quello che ci ha regalato all'uscita del santuario di Fatima rimarrà, comunque, ad imperituro ricordo dei nostri otto giorni insieme.
AD ALTO VOLUME

Lorenzo Beciani - "O Beji":
Autore del pezzo peggiore quando costringe i suoi compagni a scardinare una serratura di un hotel perché aveva "perso" la chiave nella sua borsa, rimane, però, malissimo quando non viene portato negli unici due posti interessanti del Portogallo: i megaliti di Evora e i Fenicoteri della palude di fronte a Faro. In preda ad uno strano virus, passa un giorno a Lisbona addormentandosi ogni volta che si siede. Trascorre il resto della vacanza tentando di catalogare tutte le razze canine portoghesi.
VECCHIA ROCCIA

Eleonora Bigelli - "A Bijelinha":
Tre guide, una telecamera e un'inesauribile voglia di conoscere tutto il Portogallo dalla nascosta finestra manuelina allo scorcio del quartierino di Lisbona, dalla turrita Guimaraes ai nidi di cicogna di Faro. Guida il gruppo verso le bellezze storico-artistico-naturali del paese di Vasco da Gama. Purtroppo la giovane età non basta e il suo menisco salta proprio la prima sera costringendola ad una settimana completamente claudicante. Ma come Enrico Toti, senza stampella, affronta i saliscendi lusitani con stoica abnegazione
CAPOCORDATA

Luca Ceccacci - "O Çecu":
Degno esponente della scuola fotografica senigalliese mette a dura prova le sue schedine flash immortalando praticamente tutto ciò che gli passa davanti e dietro. A volte bisogna guidarlo come un cieco dato che tende a camminare a testa in su con gli occhi incollati all'obiettivo. Notevolissima, ma non avevamo dubbi, la sua performance a tavola dalla trippa della prima sera alle drammatiche sardelle dell'ultima, rende sempre onore al cibo locale sia che si trovi nel suo piatto sia in quello degli altri. Peccato solo che inizi la sua giornata non prima delle 11.00 AM
DA PREMIO PULITZER

Valentina Giammichele - "A Vaji":
Debutta con una felpa blu con il pon-pon rosso...ed è tutto dire...Nonostante le sue abitudini nettamente pantofolaie stupisce il resto del gruppo per la grande resistenza alla fatica e alla privazione del sonno ( certe notti abbiamo dormito solo sette ore). Fallisce, purtroppo, nell'unico compito comunitario affidatole: DJ e addetta all'aria condizionata nel pulmino. Ventate gelide e torride mezz'ore si alternavano senza soluzione di continuità e alla radio passavano centinaia di radiogiornali portoghesi e il Raul Casadei dell'Extremadura ci ha sbomballato a lungo.
FREDDO E FADO

Lucia Mangone - "A Lula":
Il "ringhio" della comitiva tiene sotto controllo le nostre escandescenze verbali fino a quando la salute l'abbandona ed è costretta ad assumere dei medicinali. Dopo tre consulti medici, e senza rompere assolutamente (...), prende quattro tachipirine che la abbioccano per un paio di giorni e riesce a non rovinarsi troppo la vacanza che verrà ricordata per l'acquisto di una poco proponibile borsa con degli amennicoli appesi.
COSTIPATA

Elisabetta Maracchini - "O Topinhu":
Sempre presente nelle delegazioni trattanti per mercanteggiare le camere per la notte, al contrario della sua metà dimostra una conoscenza della lingua quantomeno sorprendente. Tristemente nota alle autorità portoghesi per aver deturpato con un chewing gum la foresta di Sintra - patrimonio mondiale dell'umanità - e per essersi accanita a pietrate contro uno scoglio nella più bella spiaggia dell'Algarve al belluino scopo di nutrirsi con uno dei poveri mitili che sperava di trovare pace in una spiaggia "bandiera Blu"...senza parole.
PREMIO ATTILA 2007

Marco Santin(i) - "Bel Puteo":
Tenta in tutti i modi di interagire con la popolazione locale dando fondo a tutte le sue conoscenze linguistiche... Indimenticabile la sua ordinazione del vino a Porto: parte con un timido portoghese, passa ad un più agevole spagnolo, straborda nell'italiano e conclude con un'intonazione veneta per un improbabile "bon". Sfinito da giorni e giorni di tentativi più o meno miseramente falliti di comunicazione gioca la carta della radice comune provando ad chiedere ad un farmacista un collirio in un latino volgare dell'alto medioevo ("Collirium per oculus"). Per favore il prossimo viaggio facciamolo entro le Alpi...
DE AGOSTINI PER NOI

giovedì 6 settembre 2007

Anteprima portoghese

Mentre al momento sembra a dir poco statica l'operazione Ragrupamos-O-Material-Portughese, io una sfogliatina alle mie foto l'ho data... e mi sono scelto alcuni scorci che ho catturato qua e là per il Portogallo... Ne ho fatto una prima gallery che ho pubblicato su man@blog a mò di anteprima di quello che verrà messo su ...Che Vita Fè?

Eccola qui!

Portogallo 2007

mercoledì 22 agosto 2007

It's a kind of......MAGIC


Ormai è ufficiale un mesetto o poco più e sarà sugli scaffali l'ultima fatica del più grande cantante di tutti i tempi.
Non sentite la gioia pervadervi le membra (ormai frollate da lunghe settimane passate sui lettini della Pelliccia's Beach)? Non sentite quello strano frizzicorio alle mani, impazienti di stringere il prezioso dischetto, (dopo tanto tempo passato a reggere inutili carte francesi)? Non sentite la vostra mente rimessa in moto (dopo settimane di stasi dovuta al burraco)?
Ahhh tra un po' potremo sintonizzarci sulle nostre radio preferite e ascoltare il primo singolo (che dovrebbe essere Radio Nowhere). Ma soprattutto l'annuncio è imminente per le date del tour...il tour.
"Nel mondo ci sono solo due tipi di persone:quelle che adorano Bruce Springsteen e quelle che non l'hanno mai visto in concerto."
Per cui si prospetta un autunno parecchio in movimento dietro il più grande spettacolo rock'n'roll di tutti i tempi....
Stay tuned per un luuuuuuuuuungo post di recensione...canzone per canzone....

martedì 24 luglio 2007

c'è chi viene e c'è chi va...

...grazie Dario......
a grande richiesta:
Firmato
Ma.Sa.

mercoledì 18 luglio 2007

Finale col botto...



Avrei potuto scrivere un post lungo, molto lungo, veramente lungo. L'ultimo fine settimana di giugno ho nuotato sei (dico...sei) differenti gare, e ognuna di queste potrebbe essere descritta nei minimi particolari. Avrei potuto soffermarmi a lungo su come ho perfettamente imbroccato il cambio nella mistaffetta di giovedì, di come ho aumentato la frequenza di gambe negli ultimi venti metri perché quella della corsia uno non mollava e poi di come mi sono addormentato nelle prime tre vasche del duecento stile per piazzare un ultimo cinquanta con un recupero feroce su tutti gli altri. Oppure di come ho scazzato una respirazione a venti metri dalla fine della mia frazione di staffetta mista e mi sono incartato di spalle, o di come ho tenuto le gambe quasi ferme nei primi quindici metri della gara individuale dei 50 stile. Addirittura narrarvi nel dettaglio il percorso mentale che ho avuto alla fine della prima vasca dei cento stile che mi ha portato a rallentare in maniera quasi imbarazzante per un passaggio al limite del ridicolo, oppure dell'ottima distribuzione delle respirazioni nell'ultima frazione della staffetta a stile....ma.... avete avuto un sacco di occasioni prima di questa per informarvi... 60019 è stata invasa dai articoli della nostra preziosissima "Addetta Stampa" ... gomarche sembrava l'house organ della nostra squadra :-) , Michele che nel suo blog ha riassunto in un paio di post tutti i risultati... insomma bene o male le notizie sono arrivate...
Provo allora a riportarvi qualche sensazione particolare, emozioni forti perché noi grandiMaster della Rari Nantes Marche siamo sicuramente estremi, o tutto o niente insomma.



Intanto cominciamo subito con la premiazione delle squadre del circuito superMaster. Grande sorpresa nello scoprire che la nostra squadra è risultata seconda in classifica grazie a quindici eroi (o semidei se preferite...) che con le loro prestazioni l'hanno portata quasi sul tetto d'Italia. Anche qualcun'altro deve essere rimasto sorpreso visto che si dimentica di citarci...vabbe' succede.... Nel corso di uno splendido vernissage serale a bordo vasca quattro moschettieri della Rari Nantes Marche si sono presentati bardati di tutto punto per ricevere il coppone riservato ai secondi oltre al meritato applauso della vasta platea presente.
Ma veniamo alle gare e si parte con la più grande soddisfazione che si può immaginare per un nuotatore. Non solo vincere una staffetta, non solo vincerla nuotando in ultima frazione, ma farlo recuperando partendo dal terzo posto... insomma l'apoteosi!
Si perché c'è da considerare che per uno che fa uno sport individuale avere la fortuna di nuotare una staffetta ti dà sicuramente un po' di più, amplifica tutto, la tensione prima della gara, la gioia della vittoria e la delusione della sconfitta....
Insomma giovedì mattina sono pronto per partire con questi altri tre personaggi, uno aveva appena vinto una medaglia d'argento nei 200 dorso, un'altra è un ex nazionale e ha all'attivo una marea di record italiani ed europei e la terza era fresca campionessa italiana nei cento dorso... poi c'ero io l'anello debole che me la stavo tranquillamente facendo sotto. Mentre Silvia si avvicinava a toccare il bordo per darmi il cambio mi passavano per la testa tutta una serie di disgrazie che potevano capitare tipo: scivolo dal blocco e sbatto la testa nei sui piedi, un megacrampo che parte dall'alluce e finisce alla mandibola mi inchioda subito dopo il tuffo, oppure sbaglio il tuffo, centro la corda e mi dissanguo sui galleggianti....insomma, tutta una serie di eventualità molto molto remote, ma che mi sembravano assolutamente possibili anzi probabilissime...e invece...e invece succede che vado forte fortissimo e la cosa bella è che me ne stavo rendendo conto mentre nuotavo e allora ti sembra di surfare sull'onda, vedi arrivare il bordo alla fine ma, allo stesso tempo, vorresti non arrivasse mai perché è troppo bello andare così. Poi arrivi, guardi il cronometro e ti rendi conto che hai vinto, anzi, avete vinto e la prima cosa che fai è cercare le facce degli altri e vederci dipinta sopra la stessa gioia che provi tu.
Ma...come la medaglia che hai al collo è molto bella vista davanti e così così da dietro, il giorno dopo tocca alla staffetta mista maschile.
Per un pelo rientriamo nella categoria più giovane (e anche meno "avvelenata"), facciamo una botta di conti e ci rendiamo conto che, dati i nostri tempi, si può sperare in qualcosa di "interessante"
Detto fatto. Ultima batteria, con una squadra nettamente più forte delle altre e destinata a stravincere e poi altre quattro, fra cui noi, a battagliarci gli altri posti del podio.
Siamo in corsia tre con gli imbattibili in quattro e gli avversari diretti alla due, cinque e sei.... per me, ovviamente, immancabile ultima frazione. Tralascio tutta la serie di pensieri drammatici all'avvicinarsi di Michele impegnato nella frazione a delfino. Al suo tocco siamo terzi ad oltre un secondo e mezzo dai secondi (in corsia due) e con sei decimi di vantaggio sui quarti in corsia sei. Parto e, dopo qualche metro, vedo quello di fianco a me che perde terreno, sento che vado bene, ma non come il giorno prima, succede qualcosa...a venti metri dalla fine mi impallo un po' di spalle e sento di perdere velocità...quello alla due rimane sempre lì e non ce la faccio a passarlo...tocco il bordo, alzo la testa per vedere il cronometro e...cazzo!
la sei è davanti a noi non l'ho vista, non l'ho vista per niente! QUARTI! per due decimi...
guardo gli altri...e vedo la stessa delusione, lo stesso sconforto che provo io ed in più il terribile dubbio di essere andato male e quindi di avere la responsabilità di questo quarto, dolorosissimo posto. E infatti. Escono i risultati e il mio tempo è di sei decimi più alto di quello del giorno prima. Saremmo arrivati secondi. Mi sentivo proprio una merda...e ringrazio di cuore gli altri tre per non avermelo fatto pesare....anzi, proprio qui volevo arrivare al termine di questo ennesimo, lunghissimo, post e ringraziare di cuore tutti i grandissimi master che hanno reso questa stagione veramente eccezionale. Tutti nessuno escluso:
quelli che passano una ventina di week-end in giro per l'Italia a gareggiare
quelli che fanno i fighi senza costumone e poi gli ultimi venticinque metri....
quelli che "non sono tanto in forma" e...record europeo......!!!
quelli che primo, secondo, terzo, quarto, quinto, ...caffè e ammazzacaffè
quelli che trovano posate ovunque e volano a rana
quelli che guidano per ore nel cuore della notte senza navigatore ma in vasca vanno fortissimo
quelli che si addormenterebbero ovunque....e lo fanno!
quelli che più passano gli anni più hanno voglia di allungare le gare...
quelli che gareggiano con il costumino e la cuffiettina super-trendy e poi la prendono bene...
quelli che vogliono essere master anche se sono troppo piccolini/e
quelli che danno tutto sé stessi solo nei paesi caldi.
quelli che aprono locali apposta per farci festeggiare...
quelli che si sposano ma un 1500 l'avrebbero fatto volentieri.
quelli che l'anno prossimo, dopo le immersioni, il mezzofondo
quelli che sono fra i quindici che ci hanno fatto salire sul podio agli italiani
quelli che non ci sono, ma ci saranno.
quelli che ...grandi master Rari Nantes Marche

Buone vacanze di riposo...che poi a settembre 180battitifissi!!!

giovedì 12 luglio 2007

A volte ritornano... e fanno un filmino!!

Eh già.... come ogni viaggio-della-vale che si rispetti, anche le giornate parigine trascorse con la Betta in visita a Chicca, sono state documentate con questo FANTASTICO filmatino, che riassume un viaggio che sembra protrarsi nei decenni, più che in una mezza settimana....

Buona visione!!!

giovedì 5 luglio 2007

Pass "salvavita"


Eccolo qua.
Sono stati distribuiti ieri sera al termine dell'opera buffa "Don Pasquale" di G.Donizetti nella splendida cornice del teatro "La Vittoria" di Ostra i primi "Bonus Estivi" di Marco Santini.


Come ben sapete i possessori del bonus godranno di un pass "salvavita", valevole fino al 30/09/07, che consentirà loro di evitare, in qualità di assenti giustificati, tutti gli eventi ai quali Marco Santini richiederà la nostra presenza in questa estate incipiente.





Quindi Bec, Cecco, Ele e Vale, avendo trascorso un mercoledì sera sulle vellutatissime panchette dei palchi della bomboniera ostrense, potranno tranquillamente evitare gli altri prestigiosi eventi ai quali immancabilmente il nostro ingegnere ciufolante ci inviterà.



E mi riferisco, tanto per cominciare:






  • Maratona bandistica
    42 kilometri e 195 metri di trionfanti marcette.



  • Orgia Vibrafonistica
    Ottanta vibrafonisti balcanici che interpretano l'intero repertorio di Tito Puente.



  • Sax-o-rama
    Duemila sosia di Charlie Parker impegnati, uno dopo l'altro, nell'interpretazione di Now's the time senza soluzione di continuità.



  • Spazzole e tamburo
    Sei ore e quaranta di cha-bum-cha-cha suonato con due spazzole e un tamburo dal piccolo genio musicale di Arcadio Sfranti.



  • (These)BIG(dicks)BAND
    Trecentoventi elementi che suonano all'unisono due note SOL e RE per quattro ore e venti con partitura del grande clarinettista Ottavio Limborghi.



  • Jimmy "black keys" Marano quartet per quartet
    Il grande Jimmy Marano, famoso per utilizzare solo i tasti neri del piano, accompagnato da quindici elementi di caratura mondiale presenta il suo ultimo "Spare bollocks needed"

...e questi sono solo i primi appuntamenti di un'estate che si preannuncia caldissima anche dal punto di vista musicale.

Vi ricordiamo che potrebbero essere evitati solamente presentando l' "Avoid Broken Bollocks Pass", che vi verrà consegnato, firmato e vidimato da Marco Santini stesso, una volta attestata la vostra partecipazione ad uno degli eventi di cui sopra.




Io ce l'ho....ve roga eh?

When Patti met the White Rabbit...



Come mi ha ricordato Bec quando, al concerto di Marianne Faithfull, il tipo dietro noi sproloquiava ininterrottamente....
Parlare di musica è un po' come ballare di architettura

Quello che vi dirò, quindi, è solo che vi siete persi tutto questo....
Redondo Beach
Cannibals
Privilege
Are You Experienced?
Free Money
Ghost Dance
Southern Cross
We 3
Gimme Shelter
Pushing Too Hard
White Rabbit
Because The Night
Soul Kitchen
Smells Like Teen Spirit
Gloria

Bis:
Perfect Day
Pissing In A River
Rock’n’roll Nigger

...ed anche questo!!

e naturalmente anche tutta l'epopea del
White Rabbit in the museum
!!

venerdì 29 giugno 2007

Il weekend è incalzante...

...e mentre ci sarà chi nuoterà seriamente al di là degli Appennini portando a casa valanghe di metalli preziosi, ci sarà chi sulla costa adriatica se la spasserà perso nella "leggerezza" di un assolato fine settimana a cavallo di Giugno e Luglio....

giovedì 21 giugno 2007

Campionati Italiani Master UISP - Cesena

Ecco ciò che stavate tutti aspettando con ansia: una puntuale descrizione dello scorso week end trascorso in una ridente cittadina romagnola in occasione dei Campionati Italiani di Nuoto UISP.
Per i profani bisogna precisare che i Campionati Italiani organizzati dalla UISP sono di gran lunga meno prestigiosi rispetto a quelli organizzati dalla FIN ed è anche per questo che io ne ho vinti due fra estivi e invernali nella scorsa stagione. Quest'anno comunque la partecipazione rispetto a Ravenna 2006 era molto più elevata e perciò mi presentavo ai blocchi di partenza abbastanza indietro nella starting list (6° sia nei 50 che nei 100 stile libero). C'è da dire che i distacchi dai primi erano abbastanza ravvicinati per cui la speranza di rimediare qualcosa ci poteva stare.
Prima gara venerdì mattina i 100sl. Nel corso della stagione ho nuotato in vasca lunga ben lontano dal mio personale di 59"43, abbondantemente sopra il minuto, ma l'ultima prova del Golden Gala mi faceva ben sperare in una buona prestazione. C'è da dire che le sensazioni provate durante il riscaldamento erano più che buone come, forse, non mi era mai successo durante l'anno, per cui mi sono avvicinato al blocco (corsia 7) abbastanza fiducioso per una gran gara.
...e infatti...
Parto bene e comincio a mulinare braccia e gambe facendo ben attenzione a non esagerare soprattutto con le gambe. Respirazione ogni 6-7 bracciate e mi avvicino alla virata notando che i due di fianco a me erano leggermente più avanti...lo sapevo solito passaggio tartaruga a 29"47 addirittura settimo. Dopo la virata, visto che la prima vasca sono andato pianino parto a razzo e mi ciuccio prima quello della otto poi vedo quello alla sei che scende alle mie spalle e mi rendo conto che sto andando abbastanza forte. Negli ultimi cinque metri mi allungo bene e non soffro più di tanto. All'arrivo guardo il tabellone e il risultato è implacabile: secondo a 1'00"06 a OTTO centesimi dal primo...
siccome in queste gare si gareggia tutti insieme senza differenziazioni di categoria non mi rendo conto di quanto sia arrivato, so solo che ce n'erano quattro della mia categoria in batteria con me e due in quella dopo. Una volta visti tempi dell'ultima batteria sapevo che i primi due posti del podio erano già occupati e, quindi, il terribile dubbio ha incominciato ad insinuarsi...e si è manifestato in tutta la sua terribile drammaticità un quarto d'ora dopo quando da lontano vedo la faccia di Bubi che leggeva i risultati ufficiali appena affissi...Naturalmente l'ho presa bene e un quarto posto non è poi malaccio. L'unica cosa che mi ha fatto imbufalire è quel passaggio tartaruga...e l'arrivo tutto sommato fresco (anche se è vero che i sacri manuali del nuoto insegnano che bisogna partire pianino per poi aumentare sul finale...ma così è proprio troppo....)
Il giorno dopo dopo una serata al Caterraduno si riparte per Cesena per lo staffettone 4x50 stile. Grazie a qualche studioso di statistica applicata che non ne voleva sentire di partire presto arriviamo a gare pomeridiane già iniziate, quindi niente riscaldamento, niente vascolarizzazione profonda, niente assorbimento acido lattico pregresso. Pazienza, con la dipartita di Ubi la staffetta Eurogas ha perso molto del suo potenziale, senza considerare le (drammatiche) condizioni di due componenti giunti alla fine di una estenuante stagione agonistica), per cui il tutto si è svolto in un clima molto "tranquillo" senza tensioni eccessive. Insomma nonostante queste premesse la gara va benone: bella partenza abbastanza in tranquillità per evitare squalifiche e respirazione ogni 8 bracciate senza cali di gambe. Non me l'aspettavo proprio, nemmeno il tempo finale 26"3. Ottime premesse per la gara individuale del giorno dopo. Che arriva al termine di una nottata trascorsa in un delizioso hotel a Valverde di Cesenatico, consigliato se volete passare una vacanza in un ambiente simile al Kalahari con una cucina simile a quella delle bidonville di Nairobi.
Dopo un lungo riscaldamento e un'attesa all'addetto ai concorrenti nemmeno troppo lunga arriva il momento della mia gara. Corsia otto. Tutto pronto, ma poco prima di partire si rompe l'altoparlante dietro di me rendendo praticamente inascoltabili il segnale di "a posto" e il "via". Quindici minuti ad aspettare la riparazione, che di per sè non è che vogliano dire molto, ma se fatti con una temperatura esterna di 35/40 gradi indossando un costume sintetico intero NERO conducono all'inevitabile
Comunque si parte.
Uscita dal tuffo un po' lenta, sono andato un po' troppo sotto. Comunque mi sento bene e inizio a spingere forte anche di gambe con un richiamo ai 35 metri per il finale. Batteria vinta. Forse la frequenza di braccia è stata troppo bassa, comunque un finale di 26"79 migliore stagionale. Davanti a me della mia categoria c'erano cinque/sei persone per cui era difficile valutare la mia posizione in classifica semplicemente guardando le batterie seguenti, dovevo aspettare i risultati ufficiali. Che arrivano dopo una ventina di minuti consegnandomi la meritata "patacca" di bronzo a sei decimi dal gradino più alto...troppo più in alto.

Bene vi siete divertiti? e questo non è niente...sono in arrivo i campionati italiani FIN da giovedì 28 a domenica 1 luglio quattro giorni di cloro, righe nere, costumoni nuovi, staffette con anello debole, sole, e sudore:
e voi saprete TUTTO.

lunedì 11 giugno 2007

W i giooovaniii !!!!!

Ciao amici!!!!!
Visto che sono al club nautico per il compleanno di mia sorella e che mi sono già bella che rotta di fare il cane da guardia ho deciso pubblicare sul nostro blog in anteprima la recensione sul "Principe della monnezza" da domani disponibile anche su 60019.
Nel frattempo delle ragazzine in mutande e scarpe con tacco a spillo stanno andando su e giù per le scale e una musica house a palla sta perforando i miei poveri timpani.
Help me, please!!!!!

IL PRINCIPE DELLA DIFFERENZIATA
LA PRIMA OPERA MUSICALE DEDICATA ALL'ATTUALISSIMO TEMA DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E DEL RICLICLAGGIO

Al teatro la Fenice di Senigallia il 9 e 10 giugno è andata in scena un'opera giocosa unica nel suo genere, volta a informare, far conoscere ed apprezzare, attraverso gli straordinari linguaggi del teatro e della musica, un argomento molto importante per il futuro di tutti noi: la raccolta differenziata ed il riciclaggio dei rifiuti.
Sul palco i musicisti esecutori della colonna sonora dell'opera, le voci recitanti degli attori, i numerosi mimi delle compagnie teatrali regionali, nonchè l'allegro coro degli alunni della scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di Montignano e Marzocca.
il tutto magistralmente realizzato e diretto dal compositore Roberta Silvestrini.
La storia inizia in una città chiamata Scaricolandia.
Una bottiglia di acqua minerale utilizzata da una vecchia signora viene buttata in un cassonetto e, dopo essere stata portata via dal camion della spazzatura, si ritrova nella discarica della città.
Qui conosce un bizzarro gruppo di personaggi che a poco a poco vengono lì gettati dagli operatori ecologici: dalla dolce Birretta, alle sofisticate bottiglie di vino Doc Verdicchio e Brunello, fino ai fratelli Patty e Petty, piatti di plastica sporchi di pomodoro.
La discarica si anima per l'arrivo di uno stravagante trio composto dal piccolo Rattino, dal romagnolo gatto Bill e dal cane Bull.
Le storie dei vari personaggi, a volte commoventi e a volte divertententi, appassionano il pubblico giunto numeroso a Teatro.
Il racconto continua con la ricerca ed il ritrovamento di un "ecologico" Principe, che attraverso la raccolta differenziata ed il riciclaggio, restituisce una nuova vita più dignitosa ai personaggi.
La discarica è ormai un ricordo lontano: pioppi, aceri e fiori colorati si contendono il verde; un vecchietto cammina tranquillo ed un bimbo sorride nel suo passeggino.
... e il Principe?
Il Principe non è mai esistito: ognuno di noi è Principe della natura!
"Noi puntiamo il dito a un mondo più pulito, pulito resterà se si raccoglierà... amore, bontà e felicità!": queste parole tratte da una delle canzoni interpretate dal coro dei bambini rappresentano un messaggio sincero e significativo, volto a sensibilizzare ciascuno di noi.
Quest'opera nata dalla collaborazione di adulti e bambini ci ha fatto sentire tutti un po' protagonisti.
Per chi si fosse perso lo spettacolo, esso verrà replicato sabato 16 giugno, alle ore 21,00, presso il Cortile della Scuola media "Belardi" di Marzocca.
Valentina Giammichele

venerdì 8 giugno 2007

Golden Gala alle Saline

Giungo buon ultimo a commentare le gare di sabato fra chi era presente, anche se Cecco nel suo splendido post-omnibus sullo scorso WE ha già provveduto a mostrare al mondo alcune foto emblematiche e un video in cui si intravede in parte quello che è successo.Dopo le ultime prove di Bastia Umbra e soprattutto San Marino ero stato colto dal drammatico dubbio di aver perso la mia arcinota velocità di base. Al che ho subito minacciato di licenziamento il mio coach storico (quest'anno festeggiamo il ventennale) se entro un mese non mi avesse riportato ai livelli dello scorso anno. Effettivamente le ultime tre settimane in piscina non sono state proprio delle passeggiatine e francamente non le auguro a nessun fregnone. (Del tipo: «...mi stanco» «...mi spettino»...etc etc).

Certo ammetto che è legittima la domanda...chi te lo fa fare?

quando dopo gli allenamenti non riesci a parlare per almeno venti minuti,

quando mezz'ora dopo hai ancora 120 battiti fissi,

quando il cervello, razionalmente, dà in continuazione ordini al corpo di fermarsi ma tu li ignori,

quando alle due di notte le tossine ti impediscono di dormire o i crampi ti svegliano in mezzo ad un mare di bestemmie,

quando dopo otto/nove ore di lavoro ne passi quasi due a guardare una linea nera con l'acido lattico che ti morde nei muscoli.

Il grande Vittorio ha tentato di rispondere qui a queste domande in riferimento agli adolescenti e devo dire che trovare un gruppo di amici con cui si sta bene aiuta tantissimo ad andare avanti quando uno ha 14-15 anni e le "tentazioni" del mondo esterno sono fortissime. Ma anche quando uno decide di riprendere a nuotare seriamente con allenamenti, gare e tutto quello che ne consegue anche se di anni ne ha una trentina.


Ma c'è di più e devo ammettere che è veramente difficile da spiegare ad un profano:
ad uno che non capisce la drammatica bellezza di concentrare in trenta secondi tre mesi di allenamento,
ad uno che non apprezza la tensione estrema dei due secondi scarsi che ci sono dal «...a posto» al «via!»,
ad uno che non ha mai provato la paura vera che ti prende quando sei allo stremo delle forze e vai avanti più con il cervello che con i muscoli,
ad uno che rimane totalmente indifferente di fronte alla gioia che si prova quando sul display leggi il tempo che volevi fare perché solo tu sai quanto ti è costato.

insomma ...a noi ce piace, (we like it)
per cui cercate di avere pazienza e sopportate cristianamente questo post.

Dunque...
tornando a sabato per me era più che altro un test per vedere se stavo procedendo sulla via giusta, quindi iscrizione nella classica accoppiata di gare 50 e 100 stile libero e via. Data la penuria di partecipanti mi sono ritrovato in ultima batteria nei 100 circondato da un sacco di agonisti...ragazzi che hanno circa la metà dei miei anni (tanto per capire). Obiettivo primario un tempo al di sotto del minuto nuotato bene con un passaggio al 50 decente (intorno ai 28/28,5). Di fianco a me avevo Tommy accreditato di un 56/57 per cui poteva essere un buon punto di riferimento. Imbrocco un'ottima partenza e tento di prendere un bel ritmo nella prima vasca. Nella seconda vado più in presa e tengo a freno le gambe, ottimo passaggio a 27"7, poi nella terza ritorno ad inserirle continuando con le braccia ad andare sempre bene in presa con un gran lavoro di spalle. All'ultima virata mi rendo conto della situazione in vasca. Tommy è avanti di un metro e mezzo mentre tutti gli altri sono più indietro. Rinfrancato dalla posizione parto "appalla" per l'ultima vasca, ma purtroppo nell'ultima metà le gambe mi saltano completamente anche se tengo più che bene di braccia. Arrivo preciso e crono fermato a 58"01. Record personale, battuto il 58"2 dello scorso anno. Dopo qualche minuto di necessario recupero, vado a rapporto dal coach il quale, giustamente, mi cazzia per la troppa vivacità di gambe nella prima vasca che ho pagato poi alla fine:
«Più spalle meno fregne...!»
I cinquanta vedono ai blocchi la stessa configurazione con il buon Tommy in corsia tre e io alla quattro. Di solito pago amaramente la seconda gara nella stessa giornata (a Fano ho fatto segnare un 27"32 di gran lunga peggior prestazione da master...). Comunque le sensazioni erano positive. Vengo fuori bene dalla partenza con una doppia gambata a delfino e arrivo con due respirazioni alla virata. Nella seconda vasca ne faccio una di troppo a tre quarti vasca e la pago arrivando a 20 cm da bordo con il braccio sinistro, una bracciata in più e tocco di destro...Ugualmente 25"95 a venti centesimi dal personale monstre dello scorso anno (trainato da un fastidioso studente in fisica avanti a me di cinque centesimi...). Bene benissimo, soprattutto la bella tenuta nella seconda vasca.
Adesso avanti tutta per i campionati Italiani UISP di Cesena e soprattutto per quelli FIN di Chianciano.(dei cui esiti sarete, ovviamente, informati in maniera più che completa)
We like it...

Bec

mercoledì 6 giugno 2007

Un weekend "tranquillo"....

Come dite? Già dalla prima foto non si direbbe?!?
Eppure, fidatevi, è stato un weekend vissuto senza grossi sussulti.....
Un weekend dove, fin dal venerdì, è servito trovare qualcosa a cui aggrapparsi per cercare di tirare avanti...
Dove non c'è stato nessuno screzio, nessuna dimostrazione di insofferenza....




Dove si è praticato del sano sport, ma senza pretese agonistiche, nel puro spirito DeCoubertiniano: l'importante è partecipare, non vincere!!




Un weekend dove anche il sabato, ci si è ritrovati per una tranquillissima nottata tra



coppie che si rafforzano





coppie che si fomano









pose mooolto sexy














coppie che lottano strenuamente contro la malsana idea di andare a letto, tenendo poi botta fino alle prime luci dell'alba



inquietanti faccioni in primo piano


ma soprattutto con uno strepitoso Orsetto che si fa una comparsata e spiazza tutti i suoi detrattori spiattellando una volta per tutte la sua (Deo Gratias) eterosessualità, vincendo due Premi Oscar come attore protagonista per



Orsetto Bacia Tutti (foto di scena)





e per Una Scomoda Verità
di seguito uno spezzone, che vi consiglio di ascoltare a volume non troppo alto....

E la domenica?? Tranquilli, potevate comodamente trovarci all'aperitivo del Mascalzone
(giocate a TROVA MS - This video: courtesy of 60019.it)




Oppure alla Sagra del Pesce, dove era possibile ammirare le bellezze che la nostra amata terra marchigiana esporta in tutto il mondo, U.S.A. compresi!!!

venerdì 1 giugno 2007

...che vita fanno i gggggiOvani?!?!?

Anzianotti!!!

Mercoledì pomeriggio mio fratello, Vittoria Giammichele, ed altri baldi ( ma giovani...! ;-) ) pischelli si sono imbarcati su uno di quei regionali che puzzano di una puzza tutta loro alla volta di Riccione!!! Già...proprio così! Tra la versione di greco e il ripasso di biologia...SHOPPING A RICCIONE!



MA CHE VITA FANNO?!?!?!?




Si, Livio ne sarebbe fiero, ma noi?!?!? Io non molto, la Vale (credo) meno...!!!

In ogni caso, tranquilli, non dobbiamo temere la noia: STASERA L' ORCHESTRA CASTELLINA PASI CI POTRA' ALLIETARE AL MEGA'!!! YAHOOOOO!!!


Intanto una breve guida-aggiornamento sulla moda giovane ( potrà commentare solo la Vale... ;-) ):


DONDUP






...oppure....




DSQUARED2







AGGIORNATEVI, oh mézzi!!!

La vostra personal shopper preferita...
...ele