...Che INIZIATIVE c"avé?

gaza_black_ribbon

Basta! Parlamento pulito

martedì 19 febbraio 2008

Campagna "NO Liste bloccate" ... parliamone

Già ieri ho letto il post che Michele ha pubblicato sul suo blog personale, in cui chiede di aderire a questa campagna inserendo sulle proprie pagine il banner "io non voto liste bloccate".
Dicevo, ieri ho letto, e da ieri penso al da farsi. Naturalmente non ho preso l'iniziativa per ...Che vita fé?, ma non l'ho fatto neanche per man@blog: questo per uno spirito che in questo momento è di grossa indecisione.
Ormai è palese che i politici (magari non tutti) c'hanno stufato, che non se ne può più di promesse non mantenute e che la gente ha voglia di non essere più presa per il culo.
Per certi versi mi sento molto disilluso: la mia stessa esperienza di Consigliere di Circoscrizione, per quanto acerba, mi sta mostrando che gira che ti rigira, dal basso emerge molto ma molto poco e la partecipazione alle decisioni è minima. Ho così il sentore di quanto negli ambienti più alti della politica il teatrino delle promesse poi non mantenute sia ancora più amplificato è più manipolato da quei pochi individui che alla fine devono decidere.
In tutto questo si inserisce la campagna promossa da Michele, che dice di muovere un ricatto alla classe politica, minacciando di non votare con questa legge elettorale.... benissimo: sono pienamente d'accordo sul fatto che questa legge è pessima! E sono d'accordo sul cercare di fare qualcosa per far sì che venga cambiata!
Ma sono anche consapevole del fatto che non votando, poi dovrò prendermi quello che gli altri hanno deciso anche per me! ... e per 5 anni, molto probabilmente!
E se come lui stesso mi ha detto, che io voti o meno, andranno su quelli che questa legge l'hanno fatta e che non la ricambieranno, beh io mi sento di rispondere che vorrei fare in modo che non sia anche un po' "colpa" mia se questo succede!
E' vero che ultimamente lo schifìo generale ha avvolto tutta la classe politica e non si riesce più a capire chi è il meno peggio da una parte e dall'altra... io, da ottimista quale credo d'essere (a volte pure esagerando, forse!) spero di riuscire ad individuarlo prima del 13 Aprile.

Ora vorrei sapere cosa ne pensate voi... (mi rivolgo agli admin, ma non solo) ed ovviamente vorrei che diceste se per voi il nostro blog deve aderire o meno.
Io per ora, mi sento di dire no, non perchè contrario, ma perchè non (ancora?) favorevole.

25 commenti:

quilly ha detto...

Cecco è roso dal dubbio esattamente come me.
So bene che questa legge elettorale fa pena, ma so altrettanto bene che coloro che hanno promosso questa legge e che da sempre contrasto se non vado a votare vinceranno ancora più agevolmente.
Ogni volta che si va a votare affronto il voto con lo stesso spirito di schifo e dico
"Stavolta mi astengo, stavolta non vado".
Poi al primo discorso di Berlusconi
nelle convention di Forza Italia, il richiamo delle urne si fa assordante e non posso rinunciare a mettere la x.
Stavolta poi, sono dell'idea che come la volta scorsa al senato la partita si giochi sul filo dei voti.
Ancora non ho deciso comunque, anche perchè la presenza dei Teodem
nelle file del PD mi da parecchio noia.
Mi prendo una pausa di rilessione e mi riservo di aderire alla proposta di MP.

elisabetta ha detto...

In un primo momento ho pensato che la soluzione migliore fosse l'astensione di massa!
Ma poi il mio spirito ottimista mi ha convinto che forse bisogna ancora sperarci in un futuro migliore...anche se, viste le basi, mi sa che siamo ancora molto lontani!
Si al voto.

Michele Pinto ha detto...

Grazie Luca per aver aperto il dibattito e preso in considerazione la mia proposta.

Sinceramente mi da fastidio vedere tante persone prese dai rimorsi di coscienza prese in giro in questo modo.

Volete davvero votare un partito che ha scelto le liste bloccate anche per le sue primarie?
Il PD, oltre a non aver cambiato questa legge elettorale quando ne aveva la posibilità, ha organizzato due votazioni interne di cui, lo confesso, non ho nemmeno capito tutta l'utilità.
Se davvero avesse voluto organizzare una terza votazione per scegliere i candidati democraticamente non sarebbe stato possibile?
I 5€ li avrei dati addirittura volentieri.

Questo per parlare della sinistra, ma a destra la situazione non cambia di molto, anzi.

Non facciamoci prendere in giro.

E' vero che se non votiamo poi dobbiamo accontentarci di quello che hanno votato gli altri per 5 anni. Ma se votiamo dovremmo accontentarci di "quello che siamo stati costretti a votare".
Dalle mie parti si dice: "Contenti e Cojonati".

Andrea devercellis ha detto...

Non votare per fare un dispetto ai politici è come tagliarselo per far un dispetto alla moglie.

L'unica astensione possibile e sensata e quella dalla cittadinanza.

michelepinto ha detto...

Andrea,
quello che ci accigiamo a fare non è votare, ma ratificare decisioni già prese.

Se ci fosse un 10-15 percento di astensione in più un partito che voglia questi voti e che sia disposto ad organizzare delle primarie serie alle prossime elezioni lo troviamo.

quilly ha detto...

Perchè invece non organizziamo una qualche forma di protesta nei confronti di coloro che verranno sicuramente nella nostra città a chiedere il voto?
A queste condizioni aderisco immediatamente, il semplice non voto mi sembra un assist per chi non vuole cambiare.
Chi è il prossimo che viene a Senigallia a tenere un comizio?
Chiunque sia andiamo lì e facciamo domande scomode, anche se non si possono fare, portiamoci un megafono e chiediamogli, "Perchè non possiamo scegliere noi i nostri candidati??".
Si all'azione no alla semplice astensione.

lucacecco ha detto...

vedi, Michele, io non ho votato alle primarie del PD, non tanto per le liste bloccate, ma per un senso di fiducia non piena: per paura di ritrovarmi ancora davanti a ..... niente di nuovo e di affidabile.
E' proprio questo il problema che mi pongo: se sapessi che si dovesse anche votare con questa legge, ma chi viene eletto poi fa dei cambiamenti SUBITO (e penso anche ad altre leggi da rivedere), allora lo voterei ad occhi chiusi...
Ma qui la certezza non me la sta dando nessuno... e tra i tanti mali, io sto provando a cercare il minore: do ragione (stranamente!) a DeVercellis, qui l'unica astensione sensata è quella dalla cittadinanza.

Michele Pinto ha detto...

Mi piace l'idea di Quilly!
Megafono e domanda "Perchè non possiamo scegliere noi i nostri candidati?"

Io ci sto!
Il prossimo in zona credo sia Di Pietro.

Luca, io ho deciso che non voterò più il male minore ne mi tapperò il naso nell'urna. Ho vi presentate con un minimo di decenza o niente. La speranza almeno è rimandata alla prossima votazione. Se invece qualcuno il volto lo prende le speranze di cambiare sono poche davvero.

lucacecco ha detto...

Anche io appoggio l'idea di Quilly: azione non astensione!!

Mi dispiace Michele, ma non riesco (almeno in questo momento) a pensare che il non-voto sia la via d'uscita ... rendi solo la vita facile a chi (dopo aver stravinto!) andrà in tv a frustigarsi perchè la gente è lontana dalla politica, perchè la colpa è anche della classe politica, perchè è ora di fare qualcosa.... e poi non farà NIENTE!

Michele Pinto ha detto...

In bocca al lupo nella tua ricerca di qualcuno decente a cui affidare il voto, Luca!

vedi sondaggio ha detto...

vi segnalo un sondaggio sul meetup di senigallia (ripreso anche da quello di Fano) sui propositi di voto, astensione o invalidazione (per votare occorre essere iscritti) ma i risultati sono visibili in chiaro a tutti.

A. deV.

maddeche ha detto...

beati voi che avete le idee così chiare...

Bec ha detto...

Sono contento del commento di colui che ha portato avanti questa proposta così magari sgomberiamo il campo da alcuni equivoci che potevano sorgere.
Infatti dire "io non voto liste bloccate" di fronte ad un sistema elettorale come il nostro, equivale a dire "io non voto" (per intendersi è come dire "io non tifo per squadre di calcio composte da 11 persone..."). Una volta rimosso questo (possibile) errore di comprensione vorrei esprime la mia contrarietà di fronte ad iniziative di questo genere.
Non sopporto l'antipolitica, il qualunquismo, il tanto sono tutti uguali. Questa iniziativa la vedo spinta dallo stesso venticello alimentato da Fiorello che ieri ha invitato tutti a stracciare i certificati elettorali. Mi sa di fetta di mortadella nella scheda con la scritta "Magnateve pure questa..." Insomma un modo per cavalcare il malcontento e il malumore diffusi le cui cause sono da ricercare più nella società che nella classe politica.
Io, sinceramente, un pochino di novità la sto vedendo. Non ci sono più le coalizioni monstre degli ultimi anni, qualcuno ha annunciato che non inserirà condannati nelle liste e finalmente il meccanismo delle primarie ha cominciato a farsi strada.
Lo scetticismo nei confronti del PD francamente lo capisco poco se lo si vuole paragonare all'avversario diretto. Mi dispiace ma non sono tutti uguali. Mi dispiace che MP non abbia capito l'importanza di quelle votazioni interne. Io, dal di dentro, le ho vissute in prima persona, ho presenziato ad incontri e riunioni in cui veramente cittadini che non avevano mai partecipato attivamente si sono fatti avanti con le loro idee e con la loro faccia. Facile stare al di fuori e dire che tanto sono tutti uguali, se fai così sei già stato cojonato senza essere contento....

Michele Pinto ha detto...

Che dirti Bec?
Che ti accontenti di poco!

Due anni fa tutti contenti a votare perché finalmente erano finite le divisioni interne della sinistra. Oggi tutti a votare perché finalmente ci siamo liberati della sistra estrema! Evviva la coerenza!

Non capisci la sfiducia nei confronti del PD?
Ti do due motivi per non fidarti:
1) Ha fatto le primarie con le liste bloccate (e non commento)
2) Ha organizzato negli ultimi mesi due elezioni interne e ora che dovrebbe farle veramente le primarie... non ha tempo!

Comunque, ho parlato poco fa con un esponente marchigiano di una forza politica, e mi ha detto che stanno prendendo in seria considerazione l'idea di fare le primarie.
Se lo fanno veramente ne prendo la tessera.

quilly ha detto...

DA come si capisce in precedenza, neanche secondo me Veltroni è uguale a Berlusconi.
Un lieve vento di rinnovamento lo intravedo, ma lieve....lievissimo.
Quando Veltroni si schiera a favore degli inceneritori, e nessuno parla di riduzione di rifiuti o di raccolta indifferenziata.
Quando si fa di tutto per compiacere alla parte cattolica della coalizione tipo teodem e per questo si accantonano i Dico, si tollerano discussioni antiabortiste, si strizza l'occhio al centro e si emargina l'ala sinistra quando invece dimostrazioni di slealtà durante la precedente legislatura le ha date proprio il centro.
Quando si fanno programmi fotocopia
dell'altra parte politica tutti improntati al rilancio dell'economia, rilancio dell'industria, rilancio dello sviluppo e nessuno spende una parola per ambiente e futuro sostenibile.
Quando mi trovo davanti a questo cosa dovrei pensare?
E dall'altra parte cosa trovo?
Il partito-azienda creato sopra il predellino della Mercedes dal re dei re che rifiuta congressi, dibattiti e si circonda solo di yes-men e se potesse farebbe la stessa cosa da presidente del consiglio.
Fa e disfa e tutti debbono abbassare il capo sotto il ricatto elettorale.
Quando vedo tutto questo mi rendo conto che, sì non sono tutti uguali, ma che raramente sono stati così poco diversi.
Tanto più che nessuno in questi anni ha messo mano ai privilegi vergognosi della Casta che va tanto di moda ma che va in pensione anche stavolta dopo due anni e mezzo con alcune migliaia di euri al mese.
Credimi Bec, mi trovo daccordo spesso con te, ci accomuna l'amore per la chiesa e credo l'antipatia verso LUI, ma mai come oggi la tentazione della fetta di Mortadella into the scheda è forte.
Vi do un ultima possibilità ripeto Vi do un ultima possibilità!

quilly ha detto...

Un altra idea mi bombarda la testa dopo aver letto MP.
Perchè noi POPOLO DI INTERNET come ormai tutti ci chiamano, non individuiamo una personalità di spessore meritevole e capace oltre che onesta e incensurata e ne portiamo avanti la candidatura?
Io un nome ce lo avrei LA PIAGA DI VELLUTO.........
A parte gli scherzi lancio la mia proposta si accettano nomi!

Bec ha detto...

Caro Michele,
di poco????
Ma stai scherzando?
Io non so quali sono le tue esperienze (magari sei reduce dai caucuses dell'Iowa), ma ti assicuro che quello che è successo all'interno del PD è qualcosa di realmente innovativo per il nostro Paese.
Errori se ne sono fatti, non lo nego figuriamoci, ma penso che siano di gran lunga inferiori ai meriti di un progetto di portata storica.

Geroge Orwell ha detto...

Tutti i partiti sono uguali,
ma alcuni partiti sono più uguali degli altri...

LorenzoMan ha detto...

Credo di essere stato il primo entusiasta sottoscrittore della campagna.
Il problema non lo si riesce a sintetizzare in poche righe, ma la sensazione avuta in questi anni di "alternanza" è stata di continuità, di un unico governo e di una politica che ha speso tempo e risorse a parlare di se stessa lasciando inaffrontati e, spesso, peggiorando i problemi reali del paese. La giustizia (150 leggi in 12 anni e tempi raddoppiati), il lavoro (legge 30 ingiustamente accollata a uno assassinato comunque mantenuta inalterata), conflitto di interessi che poteva essere risolto grazie ad un DPR del 1957 ma che serve a mantenere in vita il centrosinistra grazie all'antiberlusconismo, costante sensazione di essere governati dalle lobby, mancanza di un controllo sui prezzi, tagli ala spesa pubblica sui servizi utili (sopperiti da privati) e liquidazioni milionarie a manager falliti, legge elettorale che non garantisce le riforme, gente rissaiola che stappa lo spumante e mangia la mortadella alla caduta di un governo.
Il mio non voto è in realtà un voto. E' un modo di dire né tu e nemmeno tu avete le carte in regola per salvare il paese.
Non voto turandomi il naso.
Voglio programmi e relative scadenze, voglio sapere prima chi sono i Ministri.
E per favore, lasciate perdere 'sta storiella del rispetto per chi è morto per darci la possibilità di votare.
Credo che vedendo per chi siamo "costretti" a votare si stiano rigirando nella tomba.

Meetup Senigallia ha detto...

Leggendo i nomi di chi posta mi vien da chiedere se non ci sia una Joint-Venture tra meetup e chevitafe'... però sarebbe bene che il travaso fosse biunivoco con un'iscrizione in massa degli utenti di CVF sul MU di Senigallia.

La quota la paga Quilly e al 300° iscritto in regalo una consumazione al Caffé Colosseo (caffé o pasta a scelta!!)

Ma affrettatevi, l'offerta dura solo fino al 2011.

Vale ha detto...

Wow quanta partecipazione!!! Ho letto con attenzione tutti i commenti...ed ora dico la mia.
Più che i programmi elettorali ognuno dei quali sulla carta potrebbe anche avere qualcosa di buono, ciò che mi disgusta sono le persone li propongono.
Quelle facce viscide che si alternano al potere.
Rimangono per un pò in disparte fino a quando non ci siamo un pò dimenticati di loro e delle loro malefatte e poi rispuntano dopo un paio di legislature come funghi: fondando nuovi partiti, o si alleano con altri ... e via si ricomincia!
Allora io dico come faccio a scegliere un'ideleogia politica piuttosto che un'altra quando chi la propone e la rappresenta è uno in cui non riporrei la minima fiducia, uno che io sono convinta si siederà su quella poltrona per fare prima i suoi personali interessi, poi quelli di parenti e amici e alla fine se proprio rimangono risorse ed energie i miei?
Ci sono poi partiti il cui Leader può anche lasciarmi il beneficio del dubbio circa la sua integrità morale, ma poi ha inglobato merda e bufadei (scusate la volgarità)pur di essere eletto!!!! E io votando lui mi prendo il pacchetto completo!!!!
Il principio di non votare per esprimere il proprio dissenso verso tutti i canditati potrebbe essere una idea giusta.
Forse riscirebbe a far capire che ci siamo stufati, che non siamo stupidi e che non è che perchè si sono mescolati un pò, hanno cambiato un paio di nomi e simboli siano diversi.
Come giustamente qualcuno ha già detto non andare a votare è però rischioso, perchè poi quelli che tanto comunque ci andranno sceglieranno per me...
Boh! Mi sa che rifletterò ancora un bel pò prima di prendere una decisione definitiva.

Icarus ha detto...

Al di fuori che io sono schierato, trovo comunque l'idea di Quilly, di porre domande direttie ai nostri politici, veramente ottima.
Il 27 Di Pietro sarà in zona, ma meglio ancora il 26 Veltroni sarà in Ancona e in zone limitrofe (non so il programma preciso)

Marco ha detto...

CLAMOROSA SVENDITA:

TAPPETI VOLANTI SCONTO 50%

Presso:
frivoli&frivolezze

Andrea ha detto...

Gente di poca fede!!!!
Anche noi di Popinga ci siamo occupati della questione!!!
Anch'io devo decidere se annullare la scheda oppure non andare a votare.
C'è però un'altra opzione: andare al seggio e rifiutare la scheda, facendo verbalizare il tutto dal presidente di seggio. Si può fare

quilly ha detto...

Sto elaborando un iniziativa e quindi so cazzi vostra........